Ti spiego

No comment poesie

a Vale

 

Ti spiego:

ll mio contadino lavora la terra

perché cresca l´oro del frumento:

dai pori,

della tua pelle,

il grano e il pane

per gli asili festanti

del mio volto.

 

Ti spiego:

il mio operaio si spacca le braccia

contro la roccia del quotidiano

per estrarre pezzi di cuore

e di carbone,

per accendere code di comete,

i tuoi camini e i baci.

 

Ti spiego:

il mio spazzino pulisce le strade,

con dedizione,

testa  bassa ai vecchi mozziconi,

si riposa soltanto agli incroci,

per ammiccare alla nuova segnaletica

per le tue regioni,

e alla domenica in gita.

 

Ti spiego:

i miei bambini giocano,

rincorrendo le tue farfalle

fra gli anziani,

stesi sulle sedie, ai bordi della strada

a prendere il tuo sole.

 

Ti spiego:

La mia maestra va a scuola

per spiegare ai miei sguardi,

in calzoncini corti,

le lettere del tuo alfabeto.

 

 

Ti spiego:

il mio prete è in crisi,

perchè ti desidera

mentre dice messa.

 

 

Ti spiego:

dentro me

sono una popolazione

votata a te.

Ultima modifica ilVenerdì, 16 Gennaio 2015 09:02
(1 Vota)
Letto 2134 volte

Altro in questa categoria:

« Pause sospese Un fremito di labbra... »

Lascia un commento

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti.

Navigando ne accetti l'uso.