Martin Eden di Pietro Marcello In evidenza

Martin Eden di Pietro Marcello

by

Una grande opera riesce a mettere in scena archetipi di umanita' nelle poche pagine di un libro o nei pochi fotogrammi di un film. Nel caso di Martin Eden, film del regista Pietro Marcello, ripreso dall'omonimo romanzo autobiografico di Jack London, si perpetua lo scontro fra privilegiati e reietti, fra classe nobile e popolo, o ancora fra capitalisti e lavorativi, cosi come e' inteso nell 19mo secolo, e dipinto come un conflitto indissolubile che, quando appare risolto, porta invece i segni di una ferita incancrenita.

Pietro Marcello sposta l'ambientazione del romanzo da Londra ad una Napoli che, grazie da un collage di immagini di epoche diverse, in bianco e nero e a colori, sfugge ad una collocazione temporale, e sembra raffigurare l'eterno ritorno delle stagioni della vita, saltando in continuazioni tra gioventu', eta' adulta e vecchiaia. Sono salti temporali e geografici, che permettono al regista di epicizzare e categorizzare meglio caratteri e classi umane.

Leggi tutto...
Precious di Lee Daniels In evidenza

Precious di Lee Daniels

Il film di Daniels sembra uscito dalla penna di Hubert Selby Jr per la discesa agli inferi che ci propone e per il barlume fioco di speranza, che fa comunque sempre intravedere, mentre si sprofonda nell'immaginabile. L'inferno e' pero' ben attrezzato e difeso da soldati implacabili con il supporto di prigioni da cui sembra quasi impossibile evadere, e nel caso della protagonista del film, Precious Jones, la sua stessa famiglia, residente nel Bronx, e' la sua galera. Il padre la sottopone a violenze fin da piccolina, mentre la madre, come una cozza attaccata al suo scoglio di nulla e in contraddizione ai suoi doveri materni, la umilia quotidianamente.

Leggi tutto...

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti.

Navigando ne accetti l'uso.